Fisica e filosofia nel serial televisivo LOST

lunedì 23 marzo 2009

Nama... what?

Nel nostro tentativo di dare forma al grande puzzle che è Lost, con l'ultima puntata, Namaste, troviamo i due pezzi che mancavano alla parte che riguarda gli O6: uno, Sayid, dove ce l'aspettavamo, ossia nei pressi della Flame Station del 1977 (o comunque di quello che off-island è il 1977); l'altro, Sun, dove (cioè quando) non pensavamo di trovarla. Al di là delle didascalie Thirty years later - che ormai rischiano di confondere più di quanto non chiariscano - Sun è atterrata sull'Hydra Island con Lapidus, Ben e Locke, e come loro non è stata affetta dallo spostamento temporale che invece ha colpito (nel flash che anche gli altri passeggeri hanno percepito) gli altri quattro degli O6. 
Prima di passare a chiederci che epoca sia per lei e i 316ers, chiediamoci perché lei - unica tra gli O6 - non fosse destinata all'epoca Dharma. Invocare una clausola di protezione temporale - per cui l'Isola vorrebbe evitare la presenza contemporanea di due Sun su di sé - implicherebbe che lei lì ci sia già stata. In che forma? In quanto piccola figlia Other di un Paik attivo tra gli Ostili a quell'epoca - ma gli Altri parrebbero aver sempre avuto problemi a dare alla luce dei bambini - oppure figlia del dottor Chang - ma allora sarebbe addirittura più giovane di Charlotte (non che Ethan se li porti bene, i suoi anni...)? Difficile sposare, almeno oggi, uno di questi scenari.  Eppure qualche senso questa disparità di trattamento deve avercelo, e non ce la caveremo col dire - come ormai è di moda con Desmond - che lei è speciale...  L'Isola - questa entità che ormai assomiglia più all'Autore che non a un Personaggio - ha una missione da far compiere a Sun, qualcosa che connetta il passato, in cui si ritrovano suo marito e gli altri ex-compagni di sventura, al presente di un'Isola che appare popolata di fantasmi e mostri e sempre più svuotata di esseri umani. Sun sarà l'ennesimo deus ex machina che l'Isola-gattopardo userà per cambiare tutto affinché nulla cambi? Un nuovo giro di ruota, forse. 
Ma poi, qual è questo presente? Se fino a qualche puntata fa si poteva supporre che l'Ajira 316 fosse atterrato nello stesso giorno in cui era partito - e dunque in qualche data tra la fine del 2007 e l'inizio del 2008 - dopo aver visto il repentino passaggio dalla notte al dì durante la fatale turbolenza, e aver udito per un attimo i numeri alla radio di bordo, ebbene, non possiamo più supporre alcunché. Che futuro è quello in cui i locali dell'accoglienza reclute presso il molo sono distrutti, il Fumo Nero si aggira indisturbato, Christian Shephard mostra foto alla Shining e una donna bionda (Claire?) si intravede nell'oscurità? Quanto tempo è passato dal giro di ruota di Ben? C'è già stata la guerra preannunciata da Widmore a Locke? Lo capiremo meglio se e quando vedremo qualche Other interagire con Sun e i suoi coevi. 
Intanto rimane il mistero di Christian, vivo e morto allo stesso tempo - oppure mai morto davvero: il mistero è lo stesso della apparente resurrezione di Locke, ed è qualcosa che riguarda la fisica quantistica, non certo le guarigioni miracolose. Una fisica quantistica che per una licenza poetica viene presa alla lettera, parlando di una scatola chiusa dove un gatto è contemporaneamente vivo e morto. L'osservatore, nell'esperimento/paradosso di Schrödinger, determina lo stato di vita o di morte del gatto, stato che è indeterminato (una mescolanza dei due, in realtà) finché questo osservatore non apre la scatola. Se Christian è il gatto, chi è allora l'osservatore?

5 commenti:

  1. Io continuo a sostenere la teoria che Sun sia nata sull'isola: la sua data di nascita (si vede in "Ji Yeon" sulla tomba vuota di Jin, dove c'era già il posto per lei) è nel 1980... Ricordo che mi colpì perché così avrebbe avuto solo un anno in più di me, e um, mi pareva improbabile! d'altra parte ho appena controllato e sia Yunjin Kim che Daniel Dae Kim sono di diversi anni più grandi dell'età ufficiale dei loro personaggi. Boh?

    RispondiElimina
  2. E' seccante ammetterlo, ma qualche casino lo stanno facendo, gli autori, con l'età dei personaggi - senza che ciò sia attribuibile ai viaggi nel tempo. Prima l'età di Charlotte (errore, lo hanno ammesso), poi quella (davvero non sostenibile) di Ethan, adesso si profila all'orizzonte un problema con la data di nascita di Sun: però mi chiedo, lo script coordinator che ci sta a fare? Sono tutti errori ampiamente evitabili.

    RispondiElimina
  3. Anche se è una spiegazione "elegante" la presenza di un'altra Sun al tempo Dharma non mi convince. Non solo perché richiederebbe un errore grossolano della sua data di nascita, ma, specialmente, perché incontri "ravvicinati" ci sono stati (parto di Claire) e nulla è successo. Anche i conigli di Chang sono nela stessa stanza e, a parte il panico per non farli entrare in contatto (effetto Casimir?), sono sopravvissuti all'evento.
    Purtroppo (dico così perché la cosa non mi piace molto) dobbiamo entrare nell'ordine di idee che l'isola agisca come "deus ex-machina" che sceglie chi e dove mandare("e più non dimandare" aggiungeva il sommo poeta). E Sun potrebbe avere un compito chiave nel presente: forse richiamare gli altri Losties dispersi nel passato?

    RispondiElimina
  4. Per Charlotte e' evidente che ci aspettano scandalose rivelazioni sulla sua nascita e sui suoi genitori, altrimenti L&C non si sarebbero presi la briga di smentire un errore di cui nessuno si sarebbe accorto (l'attrice ha 29 anni, Charlotte arriva sull'isola a 25 e muore a 28, presumibilmente; l'unica assurdita' e' che e' una antropologa di successo 2 anni dopo la laurea!).

    Ethan avrebbe 27 anni al momento della sua morte. Ne dimostra almeno dieci di piu'(l'attore ne ha 43).

    Quanto a Sun, se e' vero che e' nata nel 1980, avrebbe 24 anni quando cade l'815. Vero che sembra piu' giovane della sua eta', ma da qui a dire che ha due anni piu' di me...

    Un modo elegante per salvarsi da tutto cio' sarebbe sostenere che il tempo in-island e quello off-island scorrono diversamente. Cosi' se Ethan ha 27 degli anni off-island, in realta' avendo vissuto il grosso della sua vita on-island ne ha trascorsi di piu' (sempre che on-island il tempo scorra piu' lentamente).
    Naturalmente resterebbe Alpert, che invece non invecchia di una virgola per 50 anni...

    RispondiElimina
  5. Non credo ci siano rivelazioni ad attenderci, sul conto di Charlotte: l'episodio (che gli autori hanno elegantemente pezzato dopo aver poco elegantemente attribuito la causa dell'errore a Rebecca Mader...) ci dice solo che non tutto è pianificato con lungo anticipo, e che allo script coordinator è sfuggito qualcosa. Basterà doppiare Ben nella 4x02 nella prossima edizione in DVD, così come cambiarono il volto di Penny nella foto con Desmond che era nella botola...
    Le età di Ethan e Sun, invece, sono solo improbabili, non sono errori. Per ora.
    Infine, che il tempo sull'isola scorra diversamente è ormai appurato: il come questo avvenga è ancora oggetto di discussioni. Una volta propendevo per il più veloce, ma in forma continua (che potrebbe spiegare Alpert), mentre oggi tendo a credere nel più veloce discontinuo, a salti (ma sempre in avanti, a colpi di ruota).

    RispondiElimina

Lettori fissi